Refezione a Bari, ritirato un lotto di crostatine

In relazione alla "segnalazione" su alcune merendine distribuite nella giornata di ieri alle scuole di Bari, Ladisa spa precisa quanto segue:

La "segnalazione" riguarda una crostatina confezionata e "sigillata", fornita da una azienda italiana certificata e distribuita da Ladisa spa. A tal fine di precisa che Ladisa S.p.A. fornisce il servizio mensa e provvede alla mera distribuzione di prodotti acquistati da propri fornitori certificati e qualificati in confezioni singole già sigillate: Ladisa, quindi, si limita ad eseguire controlli a campione secondo le procedure imposte dal sistema HACCP. Eventuali anomalie all’interno del prodotto confezionato e sigillato sono pertanto riconducibili a responsabilità del produttore (non del distributore) nei confronti del quale viene attuata la cd. procedura di Non Conformità.

Quindi, dopo l'alert giunto dagli uffici interni aziendali, questa mattina è stata attivata la procedura interna di autocontrollo che ha comportato l'immediato ritiro di tutto il lotto del prodotto interessato che, precisiamo, era in corso di validità e presentava scadenza nel marzo del 2016.

A seguito di visita ispettiva nella giornata di oggi, i Carabinieri hanno preso atto delle operazioni eseguite dall'azienda verificando la totale correttezza secondo le procedure previste. Nessun sequestro o campionamento è stato eseguito dall'organo di verifica non ravvisando alcun rischio;

Si fa presente che le segnalazioni hanno riguardato pochi casi su un lotto di circa 96mila pezzi. Nessuna responsabilità, o tantomeno irregolarità, può essere imputata a Ladisa Spa.

L'azienda ha messo a disposizione dell'amministrazione comunale di Bari e dell'assessore Romano tutta la documentazione, compreso il verbale del Nas.

condividi
Send by email Print